Solidarietà Fondazione Sasa e Parrocchia del sacro-cuore di Gesù portici (Italia)

In questa domenica 14 ottobre 2007,nella chiesa delle Suore Carmelitane di Portici, retta pastoralmente dal Parroco pro tempore della parrocchia del Sacro-Cuore di Gesù, Don Giorgio Antonio Pisano del presbiterio locale di Napoli, è stata celebrata la messa in rito congolese, da Padre Sébastien Sasa Nganomo Babisayone, sacerdote congolese, collaboratore in questa stessa chiesa napoletana.

In effetti è da due anni che Padre Sébastien è in questa parrocchia del Sacro-Cuore come collaboratore. Egli appartiene all’Istituto Secolare San Giovanni Battista, fondato da Vescovo Tharcisse Tshibangu Tshishiku, Vescovo di Mbuji-Mayi. Dopo aver passato sei anni a Roma, per ragioni di studio, Padre Sébastien sta concludendo il suo corso universitario con una tesi di dottorato in missiologia presso l’Università Pontificia Urbaniana di Roma. Egli fa tutto mentre aiuta il parroco Giorgio nel suo carico pastorale al Sacro-Cuore. E’ in questo senso che Padre Sébastien Sasa è presente nella diocesi di Napoli, in accordo con il suo fondatore ed il Cardinale Michele Giordano, allora Vescovo di Napoli e ora in pensione.

La parrocchia del Sacro-Cuore è una delle dodici parrocchie della città di Portici. Essa è costituita da 1846 famiglie(battezzati e non) che risiedono sul territorio parrocchiale. Fondata dal Parroco Domenico Marchiorre, fu inaugurata e consacrata dal Cardinale Alessio Ascalesi nel 1913.I lavori di costruzione erano durati sedici anni, cioè dal 1897 al 1903.Oggi questa parrocchia è costituita da cinque zone parrocchiali. Bisogna riconoscere che c’è una grande partecipazione di fedeli laici alla vita della comunità parrocchiale. Per meglio organizzare la vita pastorale in parrocchia sono sorti diversi organismi, strutture e differenti servizi pastorali. Il primo settore comprende questi organismi e strutture: la struttura decisionale (il Consiglio parrocchiale, l’Epap) – di comunicazione (l’ECZ e l’AZ) – di realizzazione o di esecuzione(equipe tecnica, equipe fotografica, equipe di redazione, equipe grafica, equipe esecutiva)-di servizi tecnici(segreteria, il gruppo economato parrocchiale, equipe di manutenzione).Il secondo raggruppa, invece, tutti i servizi pastorali: quello della Parola e della catechesi(primo annuncio, il gruppo di Suor Chiara, i Centri del Vangelo, la pastorale sanitaria, i diversi cammini della fede[i fanciulli, i preadolescenti, i giovani, i fidanzati, i genitori, gli adulti ] – della liturgia, preghiera e spiritualità(i ministri straordinari dell’Eucaristia, i coristi, i chierichetti, i guardiani e coloro che hanno cura del tempio e la spiritualità di comunione)-la Caritas(il gruppo di accoglienza, il centro di ascolto Caritas, Corsi supplementari per i fanciulli, la promozione e la diffusione della cultura e l’assistenza presso le persone anziane e i malati).

Nell’ambito del mese di ottobre, che è il mese missionario, il Papa Benedetto XVI ha invitato i cristiani a “una riflessione comune sull’urgenza e sull’importanza che riveste, anche nella nostra epoca ,l’azione missionaria della Chiesa “.Questa Giornata Mondiale Missionaria aveva per tema :”Tutte le Chiese per il mondo intero”. In questo mese missionario, è diventata un’abitudine al Sacro-Cuore, dare ai fedeli la possibilità di vivere e di celebrare l’Eucaristia in comunione con i loro fratelli e sorelle della Repubblica Democratica del Congo. Così, hanno celebrato la messa in rito congolese. In un clima di preghiera, di raccoglimento, di canti e cadenze ritmiche congolesi ed italiane, i fedeli cristiani della nostra parrocchia e altri amici venuti da altri posti, hanno vissuto il mistero della morte e resurrezione di Cristo con gioia, fede e devozione.

Al termine di questa celebrazione eucaristica, che è durata un’ora e cinquanta minuti, tutti gli amici, parrocchiani e non, sono stati invitati a recarsi nel salone delle Suore Carmelitane per vivere insieme un tempo, un momento forte di comunione e di condivisione fraterna. Ecco come si presentava l’ordine del giorno di quel momento di fraternità: il pasto insieme, una parola del Parroco; poi un film di venti minuti realizzato da Gianluca Grazioli, uno dei giovani che hanno fatto parte del gruppo che si è recato in Congo durante questa estate 2007 ed infine la vendita “all’asta” delle camicie congolesi.
Il ricavato di questa vendita sarà destinato alla realizzazione di uno dei progetti della Fondazione, precisamente la costruzione di un orfanotrofio a Kikwit. Sarà un posto dove i giovanetti e le fanciulle riceveranno un’istruzione, un’educazione, una formazione integrale per essere aiutati a realizzarsi come persone ed essere utili alla società.

In primis, compreremo un terreno sul quale costruiremo questa struttura di ordine sociale. La Fondazione ringrazia di tutto cuore il Parroco Don Giorgio Pisano, per la sua disponibilità e la sua solidarietà. I ringraziamenti della Fondazione vanno pure al Parroco Marco Ricci, alle Reverende Suore Missionarie Catechiste del Sacro-Cuore Giuseppina Anatrine, Maria Novello, Silvia de Cassia Mariano; ai giovani Stefania Paolillo, Laura Curci, Dario Fiore, Gianluca Grazioli, Salvatore Forino e a papà Antonio Rocco. La Fondazione esprime tutta la sua solidarietà verso i bambini della Repubblica Democratica del Congo, dell’Africa e del mondo che soffrono e che sperano di vivere pienamente la vita come dono gratuito di Dio. La nostra amicizia e la nostra gratitudine a tutti gli amici in Africa, in Europa e in America che sostengono quest’opera di promozione e sviluppo.

 

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>