Soggiorno dei giovani Italiani nella Repubblica Democartica del Congo

arrow
arrow

Il dialogo tra i popoli , il dialogo interculturale è la via che conduce alla coesistenza pacifica di tutti gli esseri umani che popolano la Terra , nostra “Madre”. La Fondazione Sasa (FOSA) crede fermamente in questo meraviglioso progetto. Nessun popolo, nessuna cultura può vivere in isolamento. Oggi più che mai, siamo invitati a vivere con gli altri. Cosa sarebbe una cultura chiusa in stesso o persone senza contatto con gli altri? Sarebbero una cultura morta e un popolo senza vita.

La Fosa ha capito tutto questo e ha incluso il progetto di “interculturalità” nella sua agenda. Dal 2007, ha iniziato con il primo scambio interculturale, ospitando un gruppo di giovani e papà italiani in soggiorno nella Repubblica democratica del Congo (RDC). La delegazione è stata guidata da tre sacerdoti, due italiani (Don Giorgio Antonio Pisano e Don Marco Ricci) e il padre congolese Sébastien Sasa Nganomo Babisayone residente in Portici (Italia).

Hanno avuto la gioia di visitare la capitale Kinshasa , Kikwit e Bulungu. Insieme ai giovani della parrocchia di San Giuseppe a Soa e quelli della città di Bulungu (Bandundu), hanno dovuto condividere momenti di fraternità e di scambio culturale. Due giovani cristiani hanno ricevuto la loro cresima in Kikwit, nelle mani del Vescovo Marie-Edouard Mununu Kasiala, vescovo della diocesi che porta lo stesso nome della città.

Nel 2009, un’altra delegazione italiana, composta da giovani e una madre, ha visitato la RDC. I giovani e mamma Lucia, hanno avuto la gioia di vivere vari momenti della vita della diocesi: l’incontro con i giovani di Kikwit, momenti religiosi e culturali, una partita di calcio allo stadio di Bulungu, visita guidata della parrocchia di San Giuseppe a Soa, una serata di ballo all’IFAK (Istituto di Formazione per gli Animatori di Kikwit ), musica folk Yansi (Mfung), ecc. Due giovani Italiani scouts hanno ricevuto nel mese di agosto, la cresima il giorno delle ordinazioni sacerdotali.

Infine, presso la sua sede a Matonge, nel comune di Kalamu (Kinshasa) la Fondazione Sasa ha offerto alla delegazione italiana una cena alla congolese ed una serata di ballo per salutarla prima della partenza.
Insieme vogliamo costruire un mondo migliore, dove giovani e vecchi , maschi e femmine, bianchi e neri , gialli e rossi abiteranno la stessa umanità. Guardandosi negli occhi, dovranno dirsi: “ti voglio tanto bene “.

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>